11111111111111111111111495760000 Federico Giangrandi
home
legenda
contatti
Block Notes
2007
Federico Giangrandi

Alternative content

Rushmore Mountains

She had a Mount Rushmore t-shirt on, and those guys never looked so good.
Especially Jefferson and Lincoln. Kind of bloated but happy.

By By

The things by which we live are the distanct flashes of insect wings in a clouded sunlight.
Raymond Chandler

Stormy Wheater

... come il rombo lontano del tuono ad un picnic.

Martellate senza zucchero

!!!>^<(@#%$/\!!!Ç)>#%$;

Goran said:

Saggezza di un vecchio caucasico
"Spara solo se uomo vale proiettile" (Nonno di Goran)
"Ritieni caso degno di decidere di tuo destino?" (Zio Zigmund)
"Se tu grata a finestra, non persona generosa, solo in prigione" (Avo Vlad II)
"Usa pure coltello per uccidere, ma ricorda passare strofinaccio su lama. Sennò fa ruggine"
"Grazie, senza voi io faccio stesso"

Rorty Machine

Guess it.
sei uno stronzo uno stronzo uno stronzo
ama uno stronzo ama uno figo uno figo
uccidi uno stronzo uno rottoinculo uccidi uno rottoinculo
scopa uno stronzo uno grasso uno grasso
spingi uno stronzo uno goloso uno goloso
caga uno stronzo uno violento uno violento
sposta uno stronzo uno sordo uno sordo
illumina uno stronzo uno matto uno matto
dipingi uno stronzo uno fatto uno fatto
descrivi uno stronzo uno grato uno grato
sei uno stronzo sei più che stronzo più che stronzo più che stronzo
più che stronzo più che figo ama più che figo più che figo
soltanto uno stronzo più che rottoinculo più che rottoinculo uccidi più che rottoinculo
ancora stronzo più che grasso più che grasso più che grasso
vestito da stronzo più che goloso più che goloso più che goloso
meno stronzo più che violento più che violento più che violento
quello stronzo più che sordo più che sordo più che sordo
altrove stronzo più che matto più che matto più che matto
dipinto da stronzo più che fatto più che fatto più che fatto
davvero stronzo più che grato più che grato più che grato
uno stronzo sei soltanto uno stronzo soltanto uno stronzo soltanto uno stronzo
ama più che stronzo soltanto uno figo ama soltanto uno figo soltanto uno figo
soltanto uno stronzo soltanto uno rottoinculo soltanto uno rottoinculo uccidi soltanto uno rottoinculo
ancora stronzo soltanto uno grasso soltanto uno grasso soltanto uno grasso
vestito da stronzo soltanto uno goloso soltanto uno goloso soltanto uno goloso
meno stronzo soltanto uno violento soltanto uno violento soltanto uno violento
quello stronzo soltanto uno sordo soltanto uno sordo soltanto uno sordo
altrove stronzo soltanto uno matto soltanto uno matto soltanto uno matto
dipinto da stronzo soltanto uno fatto soltanto uno fatto soltanto uno fatto
davvero stronzo soltanto uno grato soltanto uno grato soltanto uno grato
uno stronzo sei ancora stronzo ancora stronzo ancora stronzo
più che stronzo ancora figo ama ancora figo ancora figo
scopa soltanto uno stronzo ancora rottoinculo ancora rottoinculo uccidi ancora rottoinculo
ancora stronzo ancora grasso ancora grasso ancora grasso
vestito da stronzo ancora goloso ancora goloso ancora goloso
meno stronzo ancora violento ancora violento ancora violento
quello stronzo ancora sordo ancora sordo ancora sordo
altrove stronzo ancora matto ancora matto ancora matto
dipinto da stronzo ancora fatto ancora fatto ancora fatto
davvero stronzo ancora grato ancora grato ancora grato
uno stronzo sei vestito da stronzo vestito da stronzo vestito da stronzo
più che stronzo vestito da figo ama vestito da figo vestito da figo
soltanto uno stronzo vestito da rottoinculo vestito da rottoinculo uccidi vestito da rottoinculo
spingi ancora stronzo vestito da grasso vestito da grasso vestito da grasso
vestito da stronzo vestito da goloso vestito da goloso vestito da goloso
meno stronzo vestito da violento vestito da violento vestito da violento
quello stronzo vestito da sordo vestito da sordo vestito da sordo
altrove stronzo vestito da matto vestito da matto vestito da matto
dipinto da stronzo vestito da fatto vestito da fatto vestito da fatto
davvero stronzo vestito da grato vestito da grato vestito da grato
uno stronzo sei meno stronzo meno stronzo meno stronzo
più che stronzo meno figo ama meno figo meno figo
soltanto uno stronzo meno rottoinculo meno rottoinculo uccidi meno rottoinculo
ancora stronzo meno grasso meno grasso meno grasso
caga vestito da stronzo meno goloso meno goloso meno goloso
meno stronzo meno violento meno violento meno violento
quello stronzo meno sordo meno sordo meno sordo
altrove stronzo meno matto meno matto meno matto
dipinto da stronzo meno fatto meno fatto meno fatto
davvero stronzo meno grato meno grato meno grato
uno stronzo sei quello stronzo quello stronzo quello stronzo
più che stronzo quello figo ama quello figo quello figo
soltanto uno stronzo quello rottoinculo quello rottoinculo uccidi quello rottoinculo
ancora stronzo quello grasso quello grasso quello grasso
vestito da stronzo quello goloso quello goloso quello goloso
meno stronzo quello violento quello violento quello violento
sposta quello stronzo quello sordo quello sordo quello sordo
altrove stronzo quello matto quello matto quello matto
dipinto da stronzo quello fatto quello fatto quello fatto
davvero stronzo quello grato quello grato quello grato
uno stronzo sei altrove stronzo altrove stronzo altrove stronzo
più che stronzo altrove figo ama altrove figo ama altrove figo
soltanto uno stronzo altrove rottoinculo altrove rottoinculo altrove rottoinculo
ancora stronzo altrove grasso altrove grasso altrove grasso
vestito da stronzo altrove goloso altrove goloso altrove goloso
meno stronzo altrove violento altrove violento altrove violento
quello stronzo altrove sordo altrove sordo altrove sordo
illumina altrove stronzo altrove matto altrove matto altrove matto
dipinto da stronzo altrove fatto altrove fatto altrove fatto
davvero stronzo altrove grato altrove grato altrove grato
uno stronzo sei dipinto da stronzo dipinto da stronzo dipinto da stronzo
più lo stronzo dipinto da figo ama dipinto da figo ama dipinto da figo
soltanto uno stronzo dipinto da rottoinculo dipinto da rottoinculo dipinto da rottoinculo
ancora stronzo dipinto da grasso dipinto da grasso dipinto da grasso
vestito da stronzo dipinto da goloso dipinto da goloso dipinto da goloso
meno stronzo dipinto da violento dipinto da violento dipinto da violento
quello stronzo dipinto da sordo dipinto da sordo dipinto da sordo
altrove stronzo dipinto da matto dipinto da matto dipinto da matto
dipingi dipinto da stronzo dipinto da fatto dipinto da fatto dipinto da fatto
davvero stronzo dipinto da grato dipinto da grato dipinto da grato
uno stronzo sei davvero stronzo davvero stronzo davvero stronzo
più lo stronzo davvero figo ama davvero figo davvero figo
soltanto uno stronzo davvero rottoinculo davvero rottoinculo uccidi davvero rottoinculo
ancora stronzo davvero grasso davvero grasso davvero grasso
vestito da stronzo davvero goloso davvero goloso davvero goloso
meno stronzo davvero violento davvero violento davvero violento
quello stronzo davvero sordo davvero sordo davvero sordo
altrove stronzo davvero matto davvero matto davvero matto
dipinto da stronzo davvero fatto davvero fatto davvero fatto
descrivi davvero stronzo davvero grato davvero grato davvero grato

Piccole Catastrofi

1517 Racconti a rotta di collo finiti puntualmente male, per evitare di suicidarsi.

Venerdì

Tese l'arco inclinando la freccia a quarantacinque gradi in direzione della foresta. La freccia salì fino a un'altezza di almeno centocinquanta piedi. Là, sembrò esitare per un attimo, ma invece di ricadere verso la spiaggia, si diresse orizzontalmente e filò verso la foresta, con rinnovata energia. Quando fu scomparsa dietro la cortina dei primi alberi, Venerdì si volse raggiante verso Robinson.
- Cadrà tra i rami, non la ritroverai - gli disse Robinson.
- Non la ritroverò, - rispose Venerdì, - ma perché quella non ricadrà mai.

25 giugno 2009

Solo adesso mi è arrivata la notizia. Solo oggi.
Feci con lui uno straordinario viaggio in macchina da Roma a Pescara. Introdusse un nostro concerto con una bellissima ora di intervento che aveva intitolato "L'ibridazione dei codici simbolici nei linguaggi della modernità".
Ed è indelebile il suono nelle mie orecchie delle ultime righe de "il dono" di Carver detto dalla voce di Giorgio Gargani.
A cena, tutti insieme, tentò di mangiare un arrosticino per il senso della lunghezza.
A tavola eravamo tanti e lui si era seduto proprio sull'angolo del tavolo. A Stefano [Bambini...] che cercava di fargli posto a tavola disse con quella levità arduamente guadagnata:
"Va bene qui... a me piace questa asimmetria." Mi dispiace davvero tanto che se ne sia andato. Mi mancherà.

Uno dietro l'altro

Il problema era l'impianto elettrico. E non era da poco. Quando la nonna Norina accendeva l'abatjour sul camino della cucina si accendeva anche il grammofono a tromba, un Pathe del 1910, situato sul cassettone in piuma di mogano che stava nella stanza adiacente, appartenuto alla bisnonna Severina. La lenta ma inesorabile partenza del disco abbandonato da anni sul piatto del grammofono, produceva una rallentata esplosione del primo accordo della terza di Beethoven, sotto le cui vibrazioni il trumeau olandese con i piedi a zampa di leone, ereditato da zia Elleke, aveva un sussulto che terminava in una leggera rotazione del pomolo che ne chiudeva le ante in legno istoriato. Il vecchio e prezioso armadio poggiava in chiara pendenza sul pavimento dell'ingresso e, dopo un primo tentennamento, la sua anta sinistra si spalancava come un cappotto sfilato troppo in fretta sino a colpire il duro appendiabiti di bamb' pitturato di giallo indiano1 appartenuto al prozio inglese. Se era gioved' c'era a cena lo zio Arturo e con lui la sua giacca da esploratore in spesso cotone oleato che, appesa al sopracitato trespolo, attutiva l'urto. Era allora che la fiaschetta da whiskey in acciaio che lo zio portava in gran segreto nella tasca sinistra, colludendo con l'anta, emetteva un Mib quasi perfetto che, se pur si intonava con l'inizio della terza, faceva rizzare le orecchie a Zia Palmira, sua moglie, fervente affiliata dell'associazione contro tutti gli alcolici da qui a chiss' dove. Gli altri giorni della settimana l'appendiabiti colpito oscillava e, pur riuscendo a non uscire dal bilico, andava a colpire il ritratto del prozio, da sempre posto a guardia del suo stesso cimelio, che iniziava a scuotersi sul suo vecchio chiodo lasco. Dopo qualche ondivagante sorriso la vecchia foto veniva lasciata libera di piombare sulla sottostante cassapanca laccata di rosso cina producendo il suono di un timpano di pelle di ornitorinco percosso con una clava. Questo tipo di espressione musicale, che continuava ad avere un senso sulla fatidica Terza che continuava a diffondersi, poco era amata dal gatto Yang Zhu, che come d'abitudine stava sprofondato nel cuscino di seta verde ricamato a draghi posto a fianco della cassapanca e che, allo scoccare della gran botta percussiva, si produceva in un salto verticale a zampe allargate e pelame grigioblu ritto, prendendo per un momento le sembianze di un piccolo tappeto animalier. Ma fermiamo il fotogramma e riavvolgiamo la pellicola di qualche metro. Appena il disco iniziava la sua corsa la nonna gridava al nonno 'il Patheeeee!!', ma il nonno Norberto era sordo e siccome non sentiva la musica partire, andava a prendere la terrina del fois gras. La porta del frigidaire aprendosi creava un ulteriore contatto che accendeva la luce del bagno insieme alla piccola lampadina che illuminava la madonnina brasiliana con in mano il tamburo della scuola di samba del quartiere del Pelurinho, quartiere settecentesco di Salvador dove il nonno aveva vissuto per lunghi anni da giovane. La vecchiaia fa brutti scherzi per cui il nonno Norberto pensava che il fascio di luce che filtrava dal vetro smerigliato della porta del bagno fosse una sorta di personale annunciazione e cadeva in ginocchio gridando: 'Norina, lo ha rifatto, la madonna vuole che vada da Lei!'. Quando diceva madonna il nonno in realt' pensava ad una sua fiamma mulatta che sosteneva gli avesse fatto un incantesimo per legarlo a s', facendogli mangiare dei cioccolatini ripieni di cachaca e acqua di mare, in una notte bollente con la pi' grande luna da lui mai vista, in una stanza d'albergo del porto di Salvador. Fortunatamente il contatto durava poco e la memoria del nonno era corta. La luce del bagno si spegneva e rimaneva la Madonnina con la sua bluastra lucetta flebile. La nonna allora alzando gli occhi al cielo si faceva il segno della croce, spegneva il grammofono, la lucetta e aiutava il nonno a rialzarsi da quella scomoda posizione in ginocchioni in cui si incastrava puntualmente ad ogni apparizione. Se era gioved', la manovra di disincaglio del nonno corrispondeva con il sermone antialcolico della Zia Palmira allo zio Arturo, sermone che si sovrapponeva per un attimo all'immarcescibile terza creando un irresistibile effetto sul nonno Norberto che iniziava a ridere sguaiatamente rendendo impossibile la manovra disincastrante. Allora le quattro cocorite nella gabbia sopra il frigidaire sentendo il nonno ridere, cominciavano a starnazzare cos' forte da far slittare la gabbietta di metallo che si andava ad incastrare sulla minacciosissima presa elettrica del frigorfero Fiat che dal suo vecchio filo semiscoperto e mai aggiustato mandava un lampo, zittiva le cocorite e gettava tutta la casa nella pi' completa oscurit'. Il silenzio si faceva totale. E puntualmente il silenzio era rotto dal piccolo gorgogliante suono della sorsata di Zio Arturo alla sua fiaschetta che faceva ricominciare il coro: Zia Palmira e il sermone antialcolico, il Nonno e la sua risata; il silenzio colpevole di Zio Arturo e lo stridulo cinguettare della cocorita con le piume sbruciacchiate che si guardava come se il suo abito non fosse idoneo alla serata. E Nonna Norina che lapidaria sentenziava: 'L'ho detto io, che cՏ un problema all'impianto elettrico'.

1 : Il colore Giallo indiano Il giallo indiano, un colore naturale alquanto misterioso, proviene dall'India ed ha una bella gradazione dorata, calda, molto luminosa e trasparente. Riguardo i procedimenti per ottenere questo giallo, esistono opinioni diverse: alcuni asseriscono che la sostanza di base venga ricavata da una secrezione intestinale fossilizzata di un pachiderma o di cammello, altri dicono che si tratti di estratto di un albero saturo di magnesia, altri addirittura urina di vacca nutrita prevalentemente con foglie di mango, altri ancora parlano di una miscela chimica con allume di potassio, sali di ammonio, solfato di magnesio, che subisce altri trattamenti. Non ' possibile oggi reperire questo tipo di giallo in commercio come prodotto naturale, soprattutto per il suo prezzo, che ' elevatissimo. La sua imitazione artificiale si pu' trovare in molti negozi ed ' utilissimo per fare le velature sui cromatismi verdi in generale, e soprattutto sui verdi nei primi piani. Mescolato con il blu di Prussia genera tinte forti che non ' possibile ottenerle con altri colori.

Truth

There are two different kind of truth; the truth that lights the way and the truth that warms the heart. The first of these is science and the second is art.
Raymond Chandler

Sintesi

La questione è cruciale, forse inestricabile. Non sarà dunque possibile fornirvi nessuna risposta dogmatica, o meglio: nessuna risposta generale, radicale, tutta intera.

Tutto (Buio fitto o Luce accecante) versus -> Spazio interstiziale, intermittente, nomade,frammenti, lampi passeggeri,delle aperture, dei possibili, dei bagliori, dei malgrado tutto.

Orizzonte (che promette il Tutto,che inonda di luce gli stati definitivi) versus -> immagine (minuscola e instabile, ci passa accanto)

Guerre

Come i vecchietti addormentati in poltrona d'improvviso vociano parole allarmate convinti d'essere al fronte, cosìil mio inconscio continua nelle notti e nei giorni a combattere una guerra contro cose che non sono più nel lutto frontale del ça a été.

Standards

“... Sì,sono esattamente come i personaggi dei miei libri. Un vero duro, noto per aver spezzato una brioscina con le sole mani. Quanto a bellezza, sono un adone con un fisico possente, e mi cambio la camicia regolarmente ogni lunedì mattina.
Quando riposo tra un’impresa e l’altra abito in un castello provenzale sul Mulholland drive: una casetta di quarantotto stanze e cinquantanove bagni.
Mangio in piatti d’oro e mi piace farmi servire da danzatrici nude. A volte però devo farmi crescere la barba e rintanarmi in un dormitorio pubblico sulla Main Street oppure, non dietro mia richiesta però, vengo trattenuto nella cella degli ubriachi della prigione locale.
Ho amici d’ogni estrazione. Sulla scrivania ho quattordici telefoni, tra cui linee dirette con New York, Londra, Parigi, Roma e Santa Rosa.
Il mio schedario é sistemato in un praticissimo bar trasportabile e il barista, un nano, abita nell’ultimo cassetto in basso.
Sono un fumatore accanito e ,secondo l’umore ,fumo tabacco, marijuana, barba di granturco e foglie secche. Mi dedico molto alla ricerca, specie negli appartamenti delle bionde alte. Il materiale me lo procuro in vari modi, ma il metodo preferito rimane sempre quello di frugare nelle scrivanie dei colleghi scrittori quando sono via.
Ho trent’anni: da vent’anni. Non mi considero un tiratore scelto, ma con una salvietta bagnata in mano divento un uomo molto pericoloso. Tutto sommato però, la mia arma preferita é forse un biglietto da venti dollari..."

Black Holes

Caro Emilio. O dovrei dire Emiliuccio.
Pippi Calzelunghe ha le emorroidi, e gli fanno male anche in bianco e nero. Voleva dirti se gli presti un pezzetto della tua materia grigia per usarla come pomata per il suo buchetto malandato. Inoltre è cascata dalla scala con cui va a farsi i cazzi degli altri sul tetto di casa sua e due tegole si son rotte spaventate dai calzini insulsi della trecciofornita. Ci presti il tuo cranio inutile per sostituirle?
Communication
Photography
Gadgets
Mixed Techniques
Music, Bands, Gigs
Pittography
Direction
Coding and IT
Writings
Canvas
Fun
User Experience
Video

Every section has different structures and attitudes.
These icons illustrates it, synthetically.